Chi siamo

Finalità

esprimere la cura pastorale del vescovo nei riguardi della vita scolastica

Sezioni

IRC – Servizio per l’Insegnamento della Religione Cattolica

Il Servizio per l’Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) si prende cura di tale insegnamento presso le scuole presenti nel territorio diocesano, non universitarie di ogni ordine e grado, statali e non statali.

  1. assegna alle scuole, a nome dell’Ordinario diocesano, gli insegnanti di religione preventivamente ritenuti idonei dallo stesso;
  2. cura la formazione degli insegnanti di religione;
  3. sostiene, accompagna, aiuta e verifica gli stessi nello svolgimento del loro compito scolastico, per quanto di competenza ecclesiastica;
  4. stimola, informa, illumina le comunità cristiane sull’I.R.C. e sui suoi problemi

Pastorale scolastica

Cura l’animazione di una presenza e un impegno da cristiani nella scuola

    1. offre riflessioni e suggerire indicazioni perché studenti, genitori e docenti, consapevoli di appartenere alla medesima comunità ecclesiale, si sentano corresponsabili nella scuola di un progetto educativo che può predisporre all’accoglienza dell’annuncio evangelico;
    2. favorisce il dialogo e proporre comuni iniziative di coordinamento tra le associazioni e i movimenti operanti nella scuola, avvalendosi, per quanto riguarda le iniziative per gli studenti, dell’apporto della AC
    3. sensibilizza le comunità ecclesiali perché promuovano un’adeguata informazione a livello vicariale e parrocchiale per sostenere e qualificare la presenza partecipativa dei cristiani nella scuola.

Scuole cattoliche

Cura e coordina le scuole cattoliche e di ispirazione cristiana

    1. promuove il coordinamento delle scuole cattoliche e di ispirazione cristiana, dalla materna in avanti, esistenti sul territorio della Diocesi, sviluppando rapporti di collaborazione con gli organismi ecclesiali competenti e con le associazioni di rappresentanza delle stesse scuole;
    2. propone iniziative idonee ad inserirle nella prospettiva missionaria della pastorale diocesana in particolare di quella giovanile;
    3. svolge opera di consulenza giuridico-amministrativa e istruire le pratiche relative ad autorizzazioni e riconoscimenti e all’attuazione della autonomia scolastica e della parità mantenendosi in relazione con il Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica e gli organismi presenti in esso
    4. segue con l’aiuto delle associazioni a ciò deputate (ADASM, FISM, FIDAE, AGIDAE) i problemi concernenti la promozione e la conduzione delle scuole materne e cattoliche di ogni ordine e grado.

Pastorale dell’Università

Esprime l’attenzione della Chiesa diocesana per il mondo dell’università, rivolta in primo luogo agli studenti, ma anche a coloro che a diverso titolo vi operano (autorità accademiche, docenti, personale tecnico-amministrativo)

  1. E’ punto di riferimento per le Cappellanie, i Centri di pastorale universitaria
  2. promuove e curare le relazioni con gli atenei presenti sul territorio diocesano e con le autorità accademiche,
  3. segue e coordina l’esercizio della cura pastorale degli studenti universitari, in stretto rapporto con le aggregazioni ecclesiali presenti nei diversi atenei e con i Centro di pastorale giovanile;
  4. promuove iniziative di dialogo culturale e formazione per docenti e studenti, con la collaborazione delle altre risorse culturali presenti in diocesi;